▪ Thailandia on the road

Invio l’ultima mail dell’anno, spengo il pc aziendale e mi dirigo euforica verso casa dove mi attende uno zaino vuoto da riempire. Curiosità, adrenalina e voglia di conoscere i propri limiti sono i must have da inserire prima di qualsiasi attrezzatura tecnica ma secondi solo ad un buon paio di sneakers.

È la mattina dell’antivigilia e come un bambino curioso di scartare il suo dono natalizio sono impaziente di scoprire cosa mi avrebbe regalato quel viaggio. Mi dirigo in aeroporto dove incontro per la prima volta quelli che sarebbero stati i miei compagni: sconosciuti con una passione in comune.

Ci imbarchiamo per il volo Milano-Dubai e subito dopo Dubai-Bangkok. Arriviamo a destinazione e attendiamo frastornati il treno notturno che ci avrebbe condotto a nord della Thailandia. Dovremo aspettare gli ultimi giorni del viaggio prima di assaporare la vita frenetica e caotica della capitale, attesa che aumenta aspettative, desiderio e curiosità.

Trascorriamo la notte sulle rotaie, il tempo passa lentamente, gli occhi si chiudono quasi subito ma non prima di aver ricevuto la buonanotte dalle blatte. Avvolta nei vestiti che indosso da due giorni, mi sveglio frastornata alle sei del mattino e dopo una colazione a base di uova, patatine fritte e succo di arancia, realizzo che è Natale.

Scendiamo a Chang Mai, cuore pulsante della spiritualità thailandese, e trascorriamo i primi giorni tra giardini d’orchidee, tigri, statue di Buddha, templi templi e ancora templi, monaci e mercatini che esibiscono sul bancone variopinte specie di insetti. Mangio incredula una camola e rivolgo subito un pensiero alle lasagne che sono solita gustare questo giorno dell’anno. Merry Christmas.

Per raggiungere il villaggio Lahu facciamo un trekking di una manciata d’ore. L’unica cosa di valore che troviamo, lì dove comfort zone non si sa nemmeno come si scriva, sono i sorrisi dei bambini che ci corrono incontro e iniziano a giocare con il pallone che avevamo con noi.
Un’umile famiglia locale ci accoglie con la cena più bio e km 0 che si possa desiderare e ci invita a fare un giro nei dintorni: il villaggio è immerso nella tranquillità più assoluta, la gente vive una vita che scorre più lenta che nello sfavillante centro delle città. Circondata da colline e semplicità capisco che l’essenziale sia invisibile agli occhi.

Screenshot_20190423_160322 (1)
Sukhothai | Dicembre 2018 © Monica Maida

Dopo una passeggiata tra i sentieri illuminati dalla luna torniamo nella palafitta e ci addormentiamo per terra come i veri autoctoni. Ci penseranno i galli ad annunciare la sveglia prima dell’alba ma inutile dire che l’assenza di un materasso e i rumori della fauna circostante precedono il compito dei pollastri di almeno un paio d’ore. Esperienze che riempiono il cuore e lasciano il segno: quello sotto gli occhi.

Un po’ di trekking mattutino tra le infinite piantagioni di banane e ananas prima trovarmi, inerme, faccia a faccia con l’animo gentile e tenero degli elefanti sotto il caldo sole che avvolge la Thailandia a dicembre. I giorni a seguire procedono a ritmo di lunghe camminate, tramonti mozzafiato, templi templi e ancora templi, siti archeologici, cascate. Sono in viaggio da più di una settimana e con zaino in spalla e curry in bocca continuo a collezionare sorrisi, gioie, esperienze e il serbatoio sembra non voler raggiungere mai il pieno.

Screenshot_20190423_160238
Chiang Rai | Dicembre 2018 © Monica Maida

Per spogliarci della stanchezza e delle scarpe da trekking puntiamo all’estremo sud: siamo quasi al confine con la Malesia e proprio qui trascorriamo la notte di Capodanno, a piedi nudi sulla spiaggia insieme ad altre duemila anime che da ogni parte del mondo raggiungono questa meta per cercare spensieratezza e leggerezza.

Il giorno dopo conosco il thailandese più thai che abbia conosciuto: si spaccia come taxista per scarrozzarci con la tipica long-tail boat tra le Phi Phi Islands, sceglie di indossare il giubbotto salvagente a mo’ di pannolone e si lancia in acqua – lì dove i colori del mare e i posti li ricorderò a vita – accende una sigaretta mentre è a mollo e se la gode come se fosse l’ultima, tutto condito con occhiali da sole trendy e sorriso smagliante. Lui probabilmente ha raggiunto il nirvana, io sicuro.

Sono in mezzo al mare, accarezzata dal tramonto, grata della giornata e speranzosa che l’anno sia all’altezza di questo primo gennaio. Per rendere il sogno ancora più reale mancava solo Di Caprio che anni prima raggiunse quel paradiso per girare il film The Beach e rendere famosa quella sabbia che al tatto ricorda farina.

I giorni successivi li spendiamo a Koh Lanta dove incontriamo un’ospite inatteso: il ciclone. Questa forza della natura sarà per un paio di giorni la nostra vicina di casa ma si limiterà a bussare alla porta. Nessun itinerario compromesso, anzi cogliamo l’occasione per lasciarci inebriare dalla quiete e dalla serenità dell’isola.

tuk tuk
Bangkok | Gennaio 2019 © Monica Maida

Siamo in viaggio da due settimane e dopo aver esplorato anche questa perla dell’Oceano Indiano è giunta l’ora di tornare lì dove tutto ebbe inizio: Bangkok. Dopo qualche ora spesa nella caotica capitale, il benessere coltivato sulle isole lascia spazio alle corse folli sui tipici tuk tuk e al traffico intenso. Tra un buon pad thai e l’altro, vaghiamo per l’esuberante metropoli che riesce a mescolare l’esplicita modernità con l’eterna tradizione: i grattacieli lussuosi si fondono con i templi creando una perfetta sintesi thailandese e lo skyline fa da scenario ai fuochi d’artificio che l’ultima sera si aprono in cielo e ci salutano energicamente.

Non ho ancora fatto il pieno di emozioni – chissà se ne avrò mai abbastanza – ma due voli per l’Italia mi aspettano. Con i viaggi è sempre la stessa storia: torni a casa più stanca di quando parti, con capelli che anche la tua parrucchiera temerebbe di sfidare, ma con gli occhi che brillano, il cuore pieno di gioia e la voglia pazza di pianificare la prossima avventura.

Un pensiero ai miei compagni di viaggio perché la felicità non è reale se non condivisa e perché quella camola senza di loro non l’avrei mai mangiata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...